Archivi del mese: maggio 2013

Adolescenti, social media e privacy

Gli #adolescenti statunitensi condividono #online molte più informazioni riguardo alla loro vita privata che in passato ma riescono anche a relazionarsi meglio con gli strumenti di gestione della privacy. #Privacy che però non sembra assillare più di tanto i ragazzi che non esprimono grande preoccupazione se aziende e inserzionisti accedono ai lori dati personali. E’ quanto emerge dalla nuova e approfondita indagine di Pew Research Center.

Secondo lo studio “Teens, Social Media and Privacy”, condotto su un campione di 802 genitori e ragazzi nel periodo luglio-settembre 2012 e realizzato anche con l’ausilio di focus group, il 95% dei teenager di 12-17 anni usa Internet mentre 8 su 10 frequentano un social media.
Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Internet

Qualità e difetti del popolo e dello Stato italiano

Riporto qui un interessante passo tratto dal libro “La Costituente” di Costantino Mortati, insigne giurista e costituzionalista italiano, membro della Commissione dei 75, che ebbe il compito di elaborare il progetto della Costituzione, approvata dall’Assemblea costituente 22 dicembre 1947.

Giova anche ricordare che, secondo Pietro Scoppola, nella definizione del testo costituzionale fu decisivo l’atteggiamento delle forze politiche per trovare un “terreno comune d’intesa” e garantire una larga base di consenso al patto su cui sarebbe nato il nuovo ordine repubblicano e democratico. Di “compromesso costituzionale” parlò l’allora capo del Pci, Palmiro Togiatti mentre Meuccio Ruini, presidente della Commisiione dei 75, usò l’espressione “compromessi storici”. Proprio grazie a questa attitudine si potè delineare una “ideologia comune” che, respingendo sia una visione soltanto individualistica sia una visione totalitaria dei diritti dell’uomo, come richiama l’odg di Dossetti del 9 settembre 1946, permise di raggiungere nella prima parte della Costituzione “una felice sintesi tra i diritti di libertà della tradizione liberale e i valori di solidarietà ai quali i partiti popolari erano più sensibili”.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Politica