Archivi del mese: maggio 2011

Maghi e stregoni

Il mago, lo stregone o il sacerdote sono posti tra l’onnipotenza divina e l’impotenza dell’individuo in quanto mediatori in grado di attingere ad una verità superiore.

Il singolo sempre più smarrito e immerso in una dimensione di precarietà cerca l’ausilio di chi può trasmettere il senso di una direzione ripresa da una fonte che non è alla portata di tutti.

Il mago è l’esemplificazione da un lato della piccolezza e debolezza dell’individuo dall’altro dell’esistenza di una verità inattingibile ai più ma solo ad una minoranza che si proclama depositaria di virtù conoscitive, ovvero di medium, trasmesse dall’alto o da poteri occulti, inarrivabili dalla maggioranza degli uomini.
Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Società

Forme politiche e loro degenerazione

Sia Platone che Aristotele dedicano una parte delle loro speculazioni alla descrizione dei vari regimi politici e alle rispettive forme degenerate.

Per Platone la costituzione perfetta può essere o monarchica o aristocratica. La prima ha al suo vertice un governante-filosofo, la seconda è retta dalla classe dei sapienti.

Se fra tutti i reggitori uno ha il comando sugli altri la potremmo chiamar monarchia; se il comando è in mano a più persone aristocrazia

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Teoria politica

Infanticidio animale

L’esistenza dell’infanticidio maschile nel regno animale è stato accertato in più di 50 specie di mammiferi ma anche in uccelli e ragni. Questo comportamento si ricollega all’ipotesi di un incremento delle opportunità riproduttive degli assassini dei cuccioli.

L’infanticidio animale si sarebbe evoluto all’interno di un contesto di competizione sessuale per una riproduzione più veloce ed è applicabile alle popolazioni di leoni o di langur di Hanuman.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Etologia

Homo sapiens. Encefalizzazione

Nel corso dell’evoluzione ci deve essere stato un momento (o una lunga fase) in cui il nostro neurocranio (nel quale c’è il cervello) è passato da dimensioni simili a quelle che ha uno scimpanzé attuale, che contiene un volume di meno mezzo litro, alle dimensioni del nostro che ne contiene quasi un litro e mezzo.

La paleontologia umana ha raccolto una messe di evidenze sull’argomento potendo così ricostruire un fenomeno di grande rilevanza che prende il nome di encefalizzazione.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Scienza