Archivi del mese: aprile 2014

Parrucconi e parrucchini

Di parrucconi e parrucchini, di complotti e salotti, di differenze sotterranee e manifeste, di un passato che non vivifica il presente ma lo annichilisce, dell’essere divergenti.

“Ovunque tu sia, scava fondo! Là sotto è la sorgente!
Lascia che gridino gli uomini scuri : “Là sotto c’è sempre l’inferno!”. (Friedrich Nietzsche)

Intrepidi

Bisogna essere davvero degli intrepidi per combattere la pietrificazione e la costrizione imposta dal passato sul presente italiano.

I parrucconi vorrebbero trasformare l’Italia in un grande museo in cui i contemporanei sarebbero condannati a vivere in stanze ammuffite per contemplare il lavoro e le opere di chi li ha preceduti spegnendo la loro esistenza. Esistenza che a paragone con quella passata, descritta sempre come luminosa e nobile, dovrebbe limitarsi ad essere squallida, insignificante e impotente.

Qui, la gigantografia del passato, apparecchiata da parrucchini decrepiti travestiti da giovani, cerca di schiacciare e rimpicciolire le pretese e le ambizioni di un presente impedito a rinascere e rifiorire.

 


Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica, Società, Storia

Sodoma e Pierre Lèvy

Sòdoma venne distrutta insieme a Gomorra da Dio dopo aver costatato i gravi mali commessi dai loro abitanti. La storia viene raccontata nei capitoli XVIII e XIX della Genesi (Bibbia).

Pierre Lévy nel suo libro “L’intelligenza collettiva” riprende questi passi per evidenziare come la città si sarebbe potuta salvare se gli angeli, inviati da Dio per accertare le loro colpe, avessero trovato almeno dieci giusti tra la popolazione. Invece Sodoma ne aveva soltanto uno, Lot.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Antropologia