Archivi del mese: marzo 2013

Repubblica terza fase

“Se per democrazia diretta s’intende alla lettera la partecipazione di tutti i cittadini a tutte le decisioni che li riguardano la proposta è insensata” Norberto Bobbio

L’impeto della crisi si è rovesciato sulla politica. Dopo la “grande slavina” (L. Cafagna) del 1993, lo “tsunami” di Grillo del 2013.

Un paese non in grado di cambiare su proprio impulso quando necessario, viene cambiato dall’esterno. L’Italia ha sempre meno progresso economico, poca giustizia sociale e tanta, troppa inefficienza istituzionale.

Un movimento sociale, prima che politico, è asceso sul punto più alto della Repubblica democratica. M5S è lo sguardo severo, a volte truce e rabbioso, di una parte di società contro le dinamiche “immorali”, inconcludenti, succubi e di “casta” del potere. Milioni di persone ridotte al silenzio e colpite dalla crisi, snobbate o escluse dal “sistema” si sono riprese la parola alle elezioni. Siccome il mondo li sta cambiando a forza, adesso per avere voce in capitolo vogliono cambiare tutto il mondo, vogliono essere loro il Nuovo Mondo.
Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Giovani europei contro odio e intolleranza online

Razzismo, xenofobia e intolleranza si diffondono sempre più online. Sul cyberspazio i giovani soprattutto vengono continuamente raggiunti da espressioni che incitano, giustificano o istigano all’odio.

Davanti a questo fenomeno estremamente preoccupante per le società odierne, la democrazia e i diritti umani, il Consiglio d’Europa lancia l’allarme promuovendo una campagna giovanile contro il discorso dell’odio su Internet. L’iniziativa “The No Hate Speech Movement” è stata presentata venerdì 22 marzo al Palais de l’Europe a Strasburgo alla presenza del Segretario generale Thorbjørn Jagland.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Diritti umani

Negli Usa 500 milioni di dispositivi connessi ad Internet

Nelle case degli Stati Uniti ci sono oltre 500 milioni di dispositivi connessi ad Internet, secondo i dati diffusi dall’indagine Connected Home Report di Connected Intelligence. Una cifra record che è stata raggiunta grazie all’aggiunta di 26 milioni di nuovi device tra smartphone e tablet.

Nel complesso, il numero di apparecchi collegati alla rete rispetto a tre mesi fa è passato da una media di 5,3 a 5,7 unità per ogni famiglia statunitense. In questo lasso di tempo la crescita dei tablet è stata pari a 18 milioni mentre gli utenti smartphone sono aumentati di altri 9 milioni.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Tecnologia

M5S tra fiducia e rappresentanza

L’ostacolo principale sulla strada della costituzione di un governo capeggiato da #Bersani è il voto di fiducia. Questo passaggio istituzionale viene assimilato dal #M5S ad una alleanza #politica . Nel “Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento” si legge : “I gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle non dovranno associarsi con altri partiti o coalizioni o gruppi se non per votazioni su punti condivisi”.

Pizzarotti in una intervista concessa a Lucia #Annunziata per la trasmissione “In 1/2” del 03/01/2013 ad un certo punto, lamentandosi del comportamento dei consiglieri del #PD a Parma, ha affermato : “Tante volte ci sono delle imposizioni di partito proprio a livello nazionale, quindi quando con i singoli consiglieri ci si riesce a parlare, si cerca un confronto e lo si trova, quando si va al voto certe volte ci si sente dire : ci asteniamo perché la linea del partito è questa, perché non si può votare a favore di una misura, salvo che non sia una misura condivisa a livello nazionale…..Bisogna invece basarsi sulle idee che uniscono”.

Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in Politica

Perché Grillo?

Dopo che al Re Popolo si è sostituito sulla scena italiana il Popolo Re bisognerà tornare con più precisione e metodo sul tema della #democrazia diretta elettronica. La tecnologia apre quelle porte che il capitale chiude in faccia alle persone.

La crisi squaderna esistenze, demolisce certezze, si fondono le convinzioni nel crogiolo storico, tornano in campo vecchie paure e si riaffaccia in Europa lo spettro della fame, della miseria, il dramma dell’impoverimento. L’uomo flessibile della condizione moderna rischia di spezzarsi sotto il peso delle contraddizioni del sistema sociale. L’Italia presa nel vortice delle trasformazioni globali cerca le sue forze vive endogene per riportare il controllo, non subire e non lasciarsi travolgere dagli eventi.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Politica