Archivi del mese: agosto 2011

Internet delle cose

Cinquanta miliardi di oggetti connessi alla rete nel 2020, sei per ogni uomo, donna e bambino del pianeta. E’ l’impressionante sviluppo del fenomeno “Internet delle cose” prospettato dall’Economist e più di recente da Cisco, società leader mondiale nella fornitura di tecnologie di rete.
Si tratta, in effetti, di uno scenario nuovo destinato a cambiare in modo radicale il mondo degli oggetti stessi e l’ambiente in cui si trova ad agire l’individuo.

Internet of things, un’idea nata verso la fine del decennio 1990 all’interno della comunità di sviluppatori della tecnologia RFid (Radio Frequency Identification – Identificazione in radiofrequenza) per indicare la possibilità di identificazione di una qualsiasi cosa tramite tag o targhetta (trasponder o chip) con informazioni immesse in rete, si riferisce più propriamente a beni, anche di uso quotidiano, che sono leggibili, riconoscibili, localizzabili, indirizzabili e/o controllabili via Internet.

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Tecnologia

Erik Satie, Gymnopédie 1

Lascia un commento

Archiviato in Musica

Politica, Spettacolo

Che significa che la politica viene sussunta nella dimensione dello spettacolo? Lo spettacolo cos’è? Lo spettacolo è rappresentazione. La rappresentazione cos’è? L’immateriale.

Quindi la politica si muove e si svolge sempre più nel regno di come l’uomo immagina ciò che è, nel mondo capovolto (perché il reale viene scambiato per l’irreale).

Dice Guy Debord :

Tutto ciò che era realmente vissuto si è allontanato in una rappresentazione

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Antropologia

Mia sorella Emanuela Orlandi

E’ il 22 giugno 1983 quando la quindicenne Emanuela Orlandi scompare a Roma – unico caso del genere ad aver coinvolto un cittadino del Vaticano – per non essere mai più ritrovata.

Una vicenda subito sprofondata nel mistero che è stata diverso tempo al centro dell’attenzione mediatica riempiendo le pagine di televisioni e giornali nazionali per poi finire nel dimenticatoio.
A distanza di quasi 30 anni il libro “Mia sorella Emanuela”, scritto dal giornalista del Corriere della Sera Fabrizio Peronaci, riaccende i riflettori sull’avvenimento con nuove clamorose rivelazioni del fratello maggiore della scomparsa, Pietro Orlandi.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Società