Edward Snowden e l’individuo contro il Potere

La vicenda di #EdwardSnowden esemplifica l’idea, molto statunitense, che l’individuo comune, da solo, possa ribellarsi e sconfiggere il Potere e i suoi apparati di controllo.

Quello che teme una certa cultura americana è la sopraffazione del singolo cui il sistema assicura la tutela. L’individuo, dentro questa visione, si concepisce come una forza tanto potente quanto il potere organizzato.

E’ per questo che nella rappresentazione compare sovente nella forma del SuperEroe. Questa potenza dell’individuo viene descritta come la cura contro il male della concentrazione del potere e dell’associazione con fini maligni.

In Italia, la categoria e la prassi dell’individuo vindice del potere è quasi inesistente. Il Potere spesso si rappresenta contro il Popolo e intere forme sociali (società, famiglia, sindacati, ecc.). Nella critica al #Potere il singolo scompare dalla scena per far posto ad agenti collettivi cui l’individuo appare sempre inscritto.

L’individuo appare, al limite, in una forma d’eccezione che, però, è regressiva. Lì l’individuo è un valore, qui appare un disvalore. E’ l’ordine dell’inscrizione che annienta il Potere del singolo. Perciò bisogna annientare il sistema degli ordini per restituire valore all’individuo.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...