Navi tossiche in Asia

Sono 365 le navi cariche di sostanze tossiche inviate sulle spiagge dell’Asia meridionale dagli armatori europei nel 2012 per essere demolite e rottamate. Un numero record che rappresenta un aumento del 75% rispetto al 2011, in barba alle norme di salute, sicurezza e ambiente previste nei paesi europei. La denuncia è di Shipbreaking Platform, una coalizione globale di associazioni attive nella difesa di un riciclaggio delle navi sicuro e sostenibile.

“Malgrado la possibilità di un appropriato smaltimento in Europa o in altri paesi sviluppati, la maggior parte delle compagnie di navigazione europee continuano a trarre profitto dalle loro navi facendole demolire sulle spiagge dell’Asia Meridionale a prezzi stracciati e in condizioni di assoluta pericolosità” afferma Patrizia Heidegger, direttore esecutivo della Ong.

Nell’elenco dei primi 10 armatori europei troviamo al primo posto i greci con 167 navi scaricate su Spiagge del sud dell’Asia. Anche gli italiani sono coinvolti con 27 scafi un numero pari a tre volte rispetto all’anno prima.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ambiente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...