Estinzioni di massa delle specie

L’estinzione o eliminazione di una specie è un fenomeno naturale che si ripete nel quadro del processo evolutivo. Ogni decennio si perde una specie negli ecosistemi non perturbati. Il tasso di estinzione si è però drammaticamente elevato negli ultimi due secoli a causa dell’impatto antropico.


Gli uomini sembrano avere scarsa consapevolezza di questo problema perché come sottolinea Niles Eldredge vivono da millenni “fuori dalla natura” (dagli ecosistemi locali) da quando 10.000 anni sono diventati agricoltori.

In che modo si concretizza la minaccia umana sulla sopravvivenza delle specie?

Bisogna premettere che sotto il profilo storico la maggior parte delle specie si sono estinte ben prima della comparsa sulla terra degli esseri umani. Le specie nascono e muoiono attraverso processi di mutazione e selezione naturale.

Periodicamente si sono verificate delle vere e proprie estinzioni di massa. Nel tempo, oltre alle estinzioni minori (o di “sfondo” secondo la definizione del paleontologo David Jablonski), si contano cinque eventi catastrofici accaduti, nel gergo paleontologico The Big Five :

  • Periodo Ordoviciano : 444 milioni di anni fa (85% delle specie estinte)
  • Periodo Devoniano : 370 milioni di anni fa (83% delle specie estinte)
  • Periodo Permiano : 250 milioni di anni fa (95% delle specie estinte)
  • Periodo Triassico : 210 milioni di anni fa (80% delle specie estinte)
  • Periodo Cretaceo : 65 milioni di anni fa (76% delle specie estinte)

Questi processi estintivi, vere e proprie ecatombi globali della biodiversità, mettono in evidenza “fratture improvvise della continuità evolutiva” revocando in dubbio la visione gradualista della storia naturale precedentemente in voga.

Le maggiori perdite si ebbero nel Permiano allorché scomparvero due terzi delle specie marine e la metà delle famiglie di piante e animali. Nel periodo Cretaceo, 65 milioni di anni fa, si estinsero i dinosauri a causa, questa è l’ipotesi più accreditata ma non l’unica in campo, di collisioni tra asteoridi con la Terra.

Nella fase attuale si parla di Sesta estinzione di massa imputabile all’azione dell’uomo. Edward O. Wilson, biologo ed entomologo di fama mondiale, ha riassunto con l’acronimo HIPPO (habitat destruction, invasive species, pollution, population, overharvesting) le minacce antropiche alle specie.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ambiente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...