Natural born killers

Nel film di Oliver Stone non c’è più confine tra il bene e il male. Il male viene eletto a star della società. Chi dovrebbe far del bene è uguale a chi fa del male, non può vantare una diversità morale.

E’ la società che provoca la violenza o la violenza è un fatto di inclinazione naturale? Assassino nato può voler significare che il soggeto dedito al male si convince di essere una mente tarata dalla nascita. Il demonio o la serpe lo sono per natura, incorreggibili.

L’assassino seriale è una espressione della violenza delle moderne metropoli in cui le relazioni sono degradate ad abusi, soprusi, sopraffazioni che toccano la sacralità della vita familiare. C’è un bisogno di rispondere all’ingiustizia e all’oppressione dietro la decisione di uccidere. Poi però la libertà conquistata si trasforma in nuova prepotenza.

L’ebbrezza della libertà è soverchieria. La libertà è potere sugli altri, potere di disporre degli altri, con la violenza si conquista il rispetto degli altri, ci si impone sugli altri. Per quanto la violenza sia anestetizzata, formalizzata, per quanto la propensione omicida dei killers sia priva di quel carattere patologico che ci si dovrebbe attendere.

La televisione è necrofila e partecipa al banchetto della violenza. La istiga, non la registra soltanto.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cinema

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...